5 piante per festeggiare il Solstizio d'inverno e la rinascita del SOLE! Il bacio sotto il VISCHIO

21/12/2020
VISCHIO
Viscum album
Viscaceae

 
Pianta magica sin da quando catturò l'attenzione degli uomini e la loro immaginazione: avviluppata ai rami degli alberi, i Celti la considerarono scesa dal cielo con i fulmini, prova inconfutabile di una discesa della divinità e quindi simbolo di immortalità e di rinascita.
Spesso il Vischio era rinvenuto sopra i rami di una quercia ed entrambe erano considerate piante sacre: la folgore colpiva sovente questi imponenti alberi portando con sé il Vischio.

Il capo dei Druidi lo raccoglieva con una falce d'oro mentre gli altri Druidi mettevano i rametti in una pentola d'oro per mostrarlo al popolo; immerso in acqua, offrivano la bevanda a chi desiderasse guarire da malattie o volesse preservarsi da esse.
Il nome del Vischio presso i Celti aveva il significato di “che guarisce tutto”.

Vischio nella tradizione.
Si usa appendere rametti alle porte di casa o al collo quale amuleto vegetale per proteggersi contro gli influssi negativi proprio durante il periodo natalizio: ma attenzione! Non deve essere raccolto con le mani soprattutto con la sinistra, pena disgrazie e malefici!
In passato, si utilizzavano rami e bastoni per far cadere il Vischio dall'albero.

Il bacio sotto il Vischio.
Passeggiando con l'innamorato e trovandosi sotto al Vischio è d'obbligo baciarsi!
La fanciulla che non ricevesse il sospirato dono d'amore rischia di non sposarsi nell'anno successivo.
In Inghilterra, la notte del 6 gennaio viene bruciato il mazzo di vischio con cui si è addobbata la casa proprio per scongiurare di rimanere zitelle!

La rinascita del SOLE!
Nato e disceso con la folgore, con le sue bacche di un bianco quasi trasparente e luminoso, non poteva che richiamare la rinascita del sole al solstizio d'inverno e, per la Chiesa, la nascita della Luce: il Cristo, luce del mondo.

Scopriamo il Vischio.
Pianta sempreverde, parassita, vive avviluppata agli alberi (epifita), soprattutto pini, querce, talvolta abeti, salici, pioppi, robinia, ma anche alberi da frutta come melo e pero.
Le sue foglie sono carnose, di forma oblunga, i fiori gialli e le bacche, di cui sono ghiotti gli uccelli, di color bianco o giallo traslucido (talvolta differente a seconda della specie su cui si è sviluppato).
Presente in tutta Italia fino a 100 m di altitudine
Il giardino mediterraneo e i suoi aromi
Di seguito una pillola dell'intervento tenuto...
continua
CARRUBO, albero antico e prezioso per i nostri giardini e la nostra salute!
CARRUBO Ceratonia siliqua Fabaceae Meraviglioso...
continua
GIUGGIOLO, riscopriamo i frutti antichi per un giardino sostenibile!
GIUGGIOLO Zizyphus jujuba  Famiglia...
continua
P. IVA 02531330468 C.F. LMBLCA77A71L833A
Pec info@pec.versiliagarden.com   |   Privacy - Cookie - Links